Il riconoscimento dei titoli di studio fra la Francia e l'Italia

 
Grazie all'armonizzazione dei sistemi universitari europei avviata con la dichiarazione di Bologna (1999), i principali titoli di studio italiani e francesi sono diventati equivalenti.

L’accordo culturale italo-francese del 4 novembre 1949 precisa che i diplomi di "Baccalauréat" ("Bac") e di Maturità (detta Esame di Stato dal 1998) sono equivalenti ai fini dell’iscrizione all’università in entrambi i paesi. Il diploma originale dell’Esame di Stato è redatto in quattro lingue, tra cui il francese, quindi non necessita di traduzione.

Esame di Stato (Maturità) = Baccalauréat (Bac)

La dichiarazione di Bologna (1999) ha lanciato il processo di Bologna in Europa. Questo processo ha lo scopo di introdurre un sistema di titoli accademici facilmente riconoscibili e comparabili e di promuovere la mobilità degli studenti, degli insegnanti e dei ricercatori.

I 46 paesi che partecipano al processo di Bologna (fra i quali l'Italia e la Francia) hanno adottato l'ECTS (European Credit Transfer System): il superamento di un esame permette di acquisire un certo numero di crediti ECTS, che sono equivalenti ai Crediti Formativi Universitari (CFU) italiani. Questi crediti sono capitalizzabili (ogni esame conseguito conduce all’acquisizione definitiva dei crediti corrispondenti) e trasferibili (previa accettazione da parte di una commissione pedagogica, i crediti possono essere trasferiti da un corso di formazione all'altro e/o da un università all'altra). Ogni semestre convalidato vale 30 crediti ECTS.

Il processo di Bologna prevede inoltre l'organizzazione degli studi universitarti in 3 cicli. Questo sistema è chiamato "3+2" in Italia e "LMD" (come "Licence, Master, Doctorat") in Francia. Ha introdotto le seguenti equivalenze fra i titoli di studio francesi e italiani:

Licence (L) = Laurea Triennale = Bac + 3 (Esame di Stato + 3 anni di studio) = 180 ECTS
Master (M) = Laurea Magistrale = Bac + 5 (Esame di Stato + 5 anni di studio) = 300 ECTS
Doctorat (D) = Dottorato = Bac + 8 (Esame di Stato + 8 anni di studio)

Di conseguenza, gli studenti italiani possono far valere i propri titoli (per esempio Laurea Triennale o Magistrale) per proseguire gli studi in Francia (per esempio in "Master" o in "Doctorat") e viceversa.

NB: la dichiarazione di valore: per accedere all'università in Italia con un titolo di studio francese bisogna presentare una "dichiarazione di valore". Questo documento è rilasciato dal Consolato Generale d’Italia competente in Francia, cioè appartenente alla regione dove sono stati compiuti gli studi o rilasciati i titoli. Per ottenerlo, è sufficiente spedire al Consolato una fotocopia e una traduzione in italiano del titolo di studio francese. La fotocopia deve essere certificata conforme all’originale e la traduzione deve essere eseguita da un traduttore giurato accreditato presso un tribunale francese o italiano (una lista di traduttori giurati è scaricabile su www.italie.campusfrance.org/node/39507).
► Per saperne di più, ci si può rivolgere al Consolato d'Italia a Parigi: www.consparigi.esteri.it (il suo modulo di richiesta di dichiarazione di valore è scaricabile qui sotto).

Per saperne di più sul riconoscimento dei titoli di studio tra Francia e Italia (che sia per accedere all'università o al mercato del lavoro), ci si può rivolgere all'ENIC-NARIC (European Network of Information Centers - National Academic Recognition Information Centers):
► in Italia: CIMEA (Centro d’Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche): www.cimea.it.
in Francia: ENIC-NARIC France: www.ciep.fr/enic-naricfr
Queste agenzie possono rilasciare degli attestati di equivalenza fra i titoli di studio francesi e italiani.