Svolgere le pratiche amministrative

Étudiants

Sei stato accettato da un'università francese e sei sicurodi di studiare in Francia? Non sai come muoverti con le pratiche amministrative? Ritrova qui le varie procedure da svolgere prima della partenza e al tuo arrivo in Francia!

Fare tradurre e autentificare i documenti ufficiali

Durante le diverse procedure di prescrizione sarà necessario far tradurre alcuni documenti ufficiali.       

Né l’ambasciata né il consolato sono abilitati a fornire tale servizio. 

Occorre rivolgersi ad un traduttore giurato di cui troverai le liste comunicate a titolo informativo dai Consolati di Francia a Roma, Milano e Napoli.

Prima di rivolgersi a loro si consiglia di elencare precisamente tutti i documenti che la procedura d’iscrizione o preiscrizione prevede. A titolo informativo e tenendo conto che le tariffe variano da un traduttore all’altro, la traduzione di una laurea triennale costa circa 70 € e quello di una laurea magistrale circa 100 €. La traduzione avviene in pochi giorni. 
NB: d’ora in poi, l’esame di Stato, già redatto in quattro lingue, non necessita una traduzione. 

Alcune università richiedono una copia autenticata di alcuni documenti. L'autenticazione di una fotocopia è l’attestazione, apposta dal funzionario incaricato, che la fotocopia stessa è conforme all’originale, portato in ogni caso in visione.


Per far autenticare una fotocopia, ci si può rivolgere allo sportello dei Servizi Demografici, ad un qualsiasi incaricato dal sindaco, al segretario comunale, nonché direttamente al funzionario dell’ente ricevente, alla struttura che ha rilasciato il documento, a notai o a cancellieri.
Per l’autenticazione occorre presentare anche il documento originale.
Riferimenti normativi: Art. 18,19,38,47,76 DPR 445/2000

Chiedere un visto (studenti non-europei)

  • Il visto VLS-TS “studente”

Il VLS-TS “studente” viene concesso agli studenti extracomunitari (non cittadini dei 30 paesi dello Spazio Economico Europeo, di Andorra, del Principato di Monaco, della Svizzera, di San-Marino e del Vaticano) che vogliono studiare in un istituto universitario francese per un periodo di oltre 4 mesi. 

Permette di non fare richiesta di una carta di soggiorno presso la prefettura del luogo di residenza in Francia: ha infatti la stessa validità di un titolo di soggiorno per tutto il periodo di validità del visto. Deve essere vidimato dall’OFII (Ufficio Francese dell’Immigrazione e dell’Integrazione): basta effettuare una visita medica presso l’OFII per questo non appena si arriva in Francia.

In applicazione della direttiva europea 2003/109/CE, i titolari di un permesso di soggiorno italiano recante l’annotazione «soggiornante di lungo periodo - CE» sono dispensati dal VLS-TS “studente”. Tuttavia, essi dovranno necessariamente fare richiesta di permesso di soggiorno francese alla prefettura competente nei 3 mesi successivi al loro arrivo in Francia. In Francia, il diritto di soggiorno resta subordinato alla produzione dei documenti richiesti dalla Prefettura (per esempio prova delle risorse e dei mezzi di sussistenza, attestato di frequenza di corsi di formazione come studente…)

Nell’ambito della medicina, a meno che non abbiano iniziato gli studi in Francia dal primo anno, gli studenti extracomunitari possono ottenere solo un visto per soggiorno breve di 3 mesi (che può essere rinnovato sul posto per ulteriori 3 mesi). Con tale visto, possono seguire corsi teorici di medicina e stage di osservazione, ma non possono svolgere stage di natura pratica.

 

Puoi trovare informazioni sugli altri tipi di visti sul sito di Campus France :

 

Le richieste di visti per le persone munite di un permesso di soggiorno italiano in corso di validità, sono esaminate esclusivamente su appuntamento dal servizio visti della sezione consolare dell’Ambasciata di Francia a Roma, l’unico servizio consolare competente in Italia per il rilascio di visti.

Per fare una domanda di visto, fissare un appuntamento o avere informazione su i visti, visitare France-visas, il sito web ufficiale dei visti per la Francia.

 

Pagare la Contribuzione alla vita Studentesca (CVEC)

Link articolo

Iscrizione all'università

L’iscrizione amministrativa

Una volta confermata l'accettazione, lo studente dovrà, all’arrivo in Francia fare l’iscrizione amministrativa presso l’istituto scelto. Al termine di questa procedura gli verrà rilasciato un certificato di iscrizione (certificat de scolarité) e una carta studente. Il calendario e i documenti da allegare al dossier sono indicati sul sito dell'ateneo.

L’iscrizione pedagogica

Questa seconda parte dell’iscrizione riguarda direttamente l'istruzione e la convalida delle conoscenze: si sceglieranno le varie opzioni per organizzare l’anno di studio, cioè la scelta dei corsi, delle opzioni o ancora delle modalità d’esame.

 

Image
Checklist

Iscriversi all'assicurazione sanitaria

Se sei studente europeo

Se hai una tessera europea di assicurazione malattia, non hai bisogno di registrati presso la previdenza sociale francese. Continuerai ad utilizzare la tua tessera per farti curare in Francia. La tessera si richiede nel paese di origine.

Se non sei studente europeo

Devi iscriverti al sistema generale della previdenza sociale francese. L’iscrizione è gratuita e si fa online, collegandosi al sito dell’assicurazione sanitaria dedicata agli studenti stranieri. [www.etudiant-etranger.ameli.fr, in attesa di apertura (settembre 2018). La procedura è obbligatoria, ti permetterà di ricevere una tessera per farti curare e rimborsare le spese mediche.

Image
Quando arrivi in Francia

Aprire un conto in banca

Per aprire un conto bancario avrai bisogno di fornire una prova di domicilio. Nell'attesa di un alloggio definitivo, a volte si può utilizzare l'indirizzo del servizio delle relazioni internazionali dell'università. Dovrai anche portare un documento d'identità e un attestato di frequenza universitaria o la tua carta studente.

Non esitare a paragonare le offerte delle banche sui loro siti internet, certe hanno offerte speciali per gli studenti. 

Durante le International Welcome Week, certe banche hanno anche uno sportello per informare gli studenti, o le associazioni che si occupano dell'accoglienza degli studenti internazionali (Erasmus Student Network) propongono anche un sostegno nell'apertura del conto bancario.

Aprendo un conto bancario, riceverai una carta di credito, un libretto di assegni e un Relevé d'Identité Bancaire (RIB), equivalente all'estratto conto, che sarà indispensabile nella vita quotidiana per il rimborso delle spese mediche, il pagamento delle bollette o per ricevere il sostegno finanziario all'alloggio.

 

Convalidare il visto (studenti non-europei)

I titolari del visto di lunga permanenza - Permesso di soggiorno «long séjour-titre de séjour (VLS-TS)» non devono più far compilare in prefettura un permesso di soggiorno. Tuttavia, occorre convalidare il VLS-TS all’arrivo in Francia.

La procedura di convalida

I titolari del VLS-TS devono espletare presso l'OFII (Office français de l'Immigration et de l'Intégration) alcune formalità.

All’arrivo in Francia occorre spedire all’OFII, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno (RAR):

  • Il modulo di richiesta del certificato OFII consegnato e firmato dall’autorità competente al rilascio del visto. 
     
  • Le copie delle pagine del passaporto dove sono riportate le informazioni dell’identità del titolare, con timbro attestante l’ingresso in Francia o nell’Area di Schengen.
     
  • L’OFII di seguito invia una convocazione per la visita medica seguita da una visita d’accoglienza.

È necessaria una tassa compresa tra i 58 e 241 € per il diritto al visto che deve essere pagata con una marca da bollo. Può essere comprata presso un tabacco o online su http://www.timbresofii.fr/.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Campus France (versione francese).